Sensorvault di Google: un incubo per la privacy

Ricordi dove eri quasi cinque anni fa? Hai usato un Android o un iPhone a quel punto? Bene, la tua memoria potrebbe essere vaga e tutto, ma è probabile, Google ricorda tutto del tuo posizioni passate. Apparentemente, il gigante dei motori di ricerca è stato tenere d’occhio sulle tue coordinate e potrebbero persino condividerle con agenzie governative. I server in cui Google memorizza dove ti trovi esattamente è soprannominato Sensorvault. Quando si tratta di vita privata, è una grande invasione. Questo principalmente perché abbiamo creato la seguente guida informativa che fa più luce Sensorvault di Google.


Sensorvault di Google: un incubo per la privacy

L’invasione della privacy di Google – Inside the Vault

Sensorvault di Google - Google MapsGoogle ha fatto di nuovo quando si tratta di invadere la privacy degli utenti. Dal 2009 Sensorvault di Google raccoglie dati sugli utenti che utilizzano Smartphone Android così come iPhone e iPad.

Chiunque usi Google Maps e altre app di Google è soggetto anche alla raccolta dei dati.

Ma per quanto tempo i dati rimangono nelle prese di Google? Bene, secondo la nostra esperienza, Google memorizza questi dati a tempo indeterminato.

Quindi, rendiamo più facile per i nostri lettori. Il database Sensorvault raccoglie informazioni da qualsiasi dispositivo basato sulle torri dei cellulari nelle vicinanze Dispositivi Wi-Fi, segnali GPS e, naturalmente, beacon Bluetooth.

A proposito, Google non memorizza tutte le tue informazioni private senza consenso; probabilmente te lo sei permesso. La maggior parte degli utenti di Internet non si prende il tempo di leggere le politiche sulla privacy che i servizi online le obbligano a concedere ad Alcune app richiedono l’accesso a foto e video, mentre altre richiedono abilita la funzione di localizzazione.

Google potrebbe averti chiesto di abilitare il tuo cronologia delle posizioni, concedendogli un pass gratuito per archiviare a cronologia dettagliata dei tuoi movimenti. Alla fine, sarà disponibile per te come parte del tuo Account Google online.

C’è quello che chiamiamo ragnatela & Attività dell’app, che viene raccolto anche se la Cronologia delle posizioni è disattivata.

Cosa è a rischio qui e per cosa viene utilizzato?

Logo Sensorvault di GoogleVa bene, quindi è ammesso che Google possa utilizzare le posizioni e le informazioni degli utenti per servirle meglio. Se avvicinarli risultati di ricerca o consigli, è ciò che afferma l’azienda.

Google afferma di non condividere nessuno dei dati raccolti con inserzionisti e società di terze parti. Ma puoi garantire che sia vero? Bene, possiamo dire che forse non lo è.

Apparentemente, Google sta fornendo forze dell’ordine con dati relativi a dati legati ad account di utenti specifici. Vedete, i detective della polizia ora possono emettere un mandato a Google, soprannominato come “Geofence” o “posizione inversa” richieste.

Questi warrant chiedono a Google di specificare un’area vicino a un crimine. Successivamente, Google dà una sbirciatina al suo Sensorvaults contenuti e ricerca ogni singolo dispositivo presente in esso Posizione in quel momento e lo dà alla polizia.

Inizialmente, Google anonimizza il numeri ID del dispositivo come detective monitorano tutte le posizioni e i modelli di movimento per verificare se qualcosa sembra essere rilevante per il crimine.

Non appena i funzionari si restringono a poche persone, Google rinuncia a tutte le informazioni necessarie per racchiuderle, incluso nomi e indirizzi email.

Secondo Google, la tecnica non è mai stata creata per aiutare le forze dell’ordine, ma certamente preso su di esso a loro vantaggio. Inoltre, Google afferma che solo i dati sulla posizione provenienti da “Cronologia delle posizioni” la funzione è disponibile all’interno di Sensorvault.

Memorizza tutti gli altri dati sulla posizione raccolti in a database diverso. Tuttavia, questo può anche essere sfruttato con un mandato, ma almeno è molto meno utile di cosa Sensorvault può fornire.

Un incidente?

Qualche tempo fa, c’era un Eden Prairie invasione domestica da parte di ladri mascherati in nero. Hanno fatto del loro meglio per coprire le loro tracce e, secondo i rapporti, non se ne sono lasciati indietro. Tuttavia, le prove reali non erano sulla scena del crimine, ma nientemeno che Google.

Come mezzo per catturare i ladri, gli investigatori hanno ottenuto un Giudice della contea di Hennepin firmare a “Posizione inversa” mandato di perquisizione. Hanno chiesto a Google di fornire loro le posizioni esatte dei cellulari vicino all’incidente, compresi quelli all’interno dei locali dei mercati alimentari delle vittime.

La tecnica è diventata molto popolare anche in diverse città, tra cui Arizona, Carolina del Nord, California, Florida, Minnesota, Maine e Washington. Ma il più notevole è il Minnesota, come in giro Sono stati segnalati 22 casi in un breve periodo di tempo.Mappa di posizione inversa

Come ti interessa?

Tutto dipende dalla prospettiva dell’utente qui. Tutti rispettiamo la legge e la rispettiamo. Tuttavia, potresti finire guaio per qualcosa che non hai fatto o di cui non sapevi nemmeno.

Come accennato, Sensorvault fornirà ai poliziotti tutti i dettagli su dispositivi in ​​un’area specifica dove si è verificato un certo crimine. Potresti essere uno di quei dispositivi.

Sì, siamo d’accordo che questa tecnica può identificare i sospetti vicino ai crimini e dare una mano nelle indagini. Tuttavia, non dovremmo omettere l’opzione che è anche un rischio come può spazzare innocenti astanti nel processo.

Potresti essere presente lì senza fare nulla, o semplicemente fare una passeggiata accanto a una scena del crimine, e all’improvviso sei un sospettato di un crimine attivo. Secondo Teresa Nelson, direttore legale del ACLU del Minnesota:

“Ciò che è così problematico è che può raccogliere persone completamente innocenti che si trovano in una zona per motivi legittimi e che non dovrebbero essere trattati come sospetti”.

Un esempio è il caso in cui i detective in un sobborgo di Phenix arrestato un magazziniere, Jorge Molina, mentre era in atto un’indagine per omicidio. Hanno usato Sensorvault di Google per tracciare tutti i dispositivi presenti nell’area in quel momento.

Jorge ha trascorso circa a settimana in prigione ma è stato rilasciato dopo che gli investigatori avevano ottenuto nuove informazioni sul caso. Questo è un esempio perfetto per dimostrare la promessa e i pericoli dell’utilizzo Sensorvault di Google nelle indagini.

Per riassumere, ogni utente di Internet dovrebbe essere consapevole di come informazione personale viene utilizzato per molti scopi; nessuno di noi si è mai aspettato.

Il verdetto: Sernsorvault di Google potrebbe aiutare a risolvere i crimini, ma può anche allacciare persone innocenti.

Il Congresso risponde

Il 23 aprile, I legislatori statunitensi hanno inviato una lettera a Sundar Pichai (CEO di Google) chiedendogli di fare luce su Sensorvault. Membri del Commissione statunitense per l’energia e il commercio voleva che Google rivelasse esattamente cosa sta raccogliendo sugli utenti dell’azienda, cosa memorizza nel suo database e chi ottiene l’accesso alle informazioni.

L’inchiesta formale è stata inviata subito dopo che il New York Times ha pubblicato il suo rapporto, affermando che le forze dell’ordine statunitensi stanno utilizzando i dati degli utenti Sensorvault di Google in modo simile a un dragnet per raccogliere informazioni sulla posizione di centinaia o migliaia di utenti alla volta per identificare i sospetti criminali.

La ragione di ciò non riguardava solo l’identificazione errata di sospetti criminali sulla base dei dati di Google. No, erano anche preoccupati del fatto che Google lo sia stato monitoraggio della posizione di quasi tutti / IPhone Android proprietario da quando la funzione Cronologia delle posizioni ha visto la luce.

Il Comitato della Camera ha posto una serie di domande disponibili nel link sopra. Tuttavia, ne elimineremo alcuni in modo da poter avere una leggera idea di ciò che include la lettera:

Se Legislatori statunitensi voglio sapere chi altro ha avuto accesso a questo database oltre Dipendenti di Google e forze dell’ordine statunitensi, non sei anche un po ‘curioso?

Google Reacts

La lettera inviata dai legislatori statunitensi chiede un briefing e risposte su come sono le informazioni raccolte da Google usato e condiviso. Bene, Google non ha impiegato molto tempo a rispondere.

Un portavoce di Google ha fornito una dichiarazione a Gruppo di media sulla sicurezza delle informazioni affermando che spetta agli utenti abilitare la funzione o meno. È disattivato per impostazione predefinita. Ecco cosa aveva da dire:

“I dati in questione vengono utilizzati per la cronologia delle posizioni, che è disattivata per impostazione predefinita. Se un utente sceglie di attivarlo, siamo in grado di fornire informazioni utili, come i dati in tempo reale per aiutarli a frenare il traffico sulla strada di casa dal lavoro “, afferma il portavoce. “Possono eliminare i dati della cronologia delle posizioni o disattivare completamente il prodotto, in qualsiasi momento.”

La cosa davvero strana è che questo portavoce ha solo approfondito Sensorvault. Niente sulle domande sul problema “sollevato dal New York Times” sull’uso della funzione è stata data risposta alle forze dell’ordine.

Un paio di cose che puoi fare

Ormai lo sai cos’è Sernsorvault e come può influenzarti, direttamente e indirettamente. Ti starai chiedendo, cosa puoi fare al riguardo? C’è un modo per aggirarlo?

Bene, non ti lasceremo impiccato. Ecco un paio di cose che puoi fare proteggi la tua privacy da Sensorvault di Google:

Controlla la tua cronologia

Per risolvere un determinato problema, devi imparare tutto su di esso e affrontarlo di conseguenza. Google potrebbe aver memorizzato la cronologia delle posizioni per quasi un decennio. Ma ora, seguendo i passaggi seguenti, puoi farlo controlla cosa sta raccogliendo:

  1. Per prima cosa, accedi al tuo Account Gmail.
  2. Dopodiché, vai a Takeout.Google.com.
  3. Continua a scorrere verso il basso fino a trovare Cronologia delle posizioni.
  4. Puoi controllare tutto ciò che vuoi scaricare, ma oggi il nostro obiettivo principale è il Cronologia delle posizioni.
  5. Deseleziona tutto il resto e tieni attiva la Cronologia delle posizioni. Tieni presente che i dati della Cronologia delle posizioni saranno presenti codice del computer. Se non leggi il codice, scegli il “JSON” formattare e aprire il file in a editor di testo per vedere come appare. Per selezionare un formato, fare clic su più formati.Formati multipli
  6. Successivamente, scegli con quale metodo desideri ricevere le informazioni. Puoi usare artisti del calibro di Email, Drive, OneDrive, Box o Dropbox.metodo di consegna
  7. Segui i passaggi sul sito Web e scegli le opzioni più adatte a te.
  8. Infine, fai clic su Crea esportazione, e i dati sono tutti tuoi.Crea esportazioni

Disattiva la Cronologia delle posizioni di Google

La cosa buona è che puoi disabilitare la funzione. Tuttavia, ciò che viene fatto viene fatto, il che significa qualunque dato Google ha su di te rimarrà nel caveau per il momento.

Così, disattivazione della funzione è solo una precauzione per impedire la futura memorizzazione dei dati. Parleremo di sbarazzarci di quella storia in seguito, ma per ora, ecco come disabilitare o “mettere in pausa” la funzione Cronologia delle posizioni (Abbiamo usato Android come esempio):

  1. Sul tuo dispositivo Android, vai a impostazioni, scorrere verso il basso e fare clic su Google.Impostazioni Android
  2. Nella pagina successiva, selezionare Gestisci il tuo account Google.Gestisci profilo
  3. Successivamente, sotto Dati & Personalizzazione, Selezionare Cronologia delle posizioni.Cronologia delle posizioni Android
  4. Ora disabilita il Cronologia delle posizioni facendo clic sul punto accanto ad essa. Riceverai un metodo di conferma in quanto ti avverte che la sospensione di questa funzione limiterà o disabiliterà esperienze personalizzate Google Servizi. Tocca a voi. Se si desidera procedere, fare clic su Pausa.Metti in pausa la cronologia delle posizioni
  5. Alla fine, quando premi Pausa, il tuo Cronologia delle posizioni sarà disabilitato fino a quando non lo riattiverai manualmente.Disabilita le impostazioni di posizione

Dobbiamo riesaminarlo per assicurarci di sapere cosa stai facendo. Hai disattivato correttamente la funzione, ma altre applicazioni Google potrebbero tenere traccia della tua posizione anche se è disattivata.

Secondo Ryan Nakashima di Associated Press:

“Anche con la Cronologia delle posizioni in pausa, alcune app di Google memorizzano automaticamente i dati di posizione con data e ora senza chiedere. Ad esempio, Google memorizza un’istantanea di dove ti trovi quando apri semplicemente la sua app Maps. Gli aggiornamenti meteo giornalieri automatici sui telefoni Android indicano approssimativamente dove ti trovi. E alcune ricerche che non hanno nulla a che fare con la posizione, come “biscotti con scaglie di cioccolato” o “kit scientifici per bambini”, individuano la tua latitudine e longitudine precise, accurate al piede quadrato, e la salvano sul tuo account Google. “

Elimina le tue impronte digitali

Bene, quindi ormai sai come controllare la cronologia delle tue posizioni attuali e proibire ulteriori registrazioni. Ora parliamo come sbarazzarsi del passato prima che ti perseguiti in futuro.

Fortunatamente, puoi elimina la cronologia delle posizioni. È un compito molto semplice ed ecco come lo fai:

  1. Accedi con il tuo Account Gmail.
  2. Vai a Pagina della sequenza temporale di Google.
  3. Sul pulsante a destra dello schermo, troverai a Icona ingranaggio (Impostazioni), cliccaci sopra.Sensorvault di Google - Impostazioni della sequenza temporale
  4. Dentro il Sezione Impostazioni, premere Elimina tutta la cronologia delle posizioni.Sensorvault di Google: elimina la cronologia delle posizioni
  5. Una finestra pop-up apparirà ora. Tutto quello che devi fare è selezionare la casella accanto a “Comprendo e desidero eliminare tutta la Cronologia delle posizioni” e toccare Elimina cronologia delle posizioni.Sensorvault di Google: conferma l'eliminazione

Se si desidera prendere ulteriori precauzioni, disattivare “Ragnatela & Attività app “ anche. Secondo Google, questa funzione salva la tua attività su qualunque cosa App o sito Google che usi, compresi quelli associati alla tua posizione.Wen e attività app

Non pensiamo che questa funzione sia un grosso problema, ma per essere al sicuro, disattivalo. È meglio che tu sia sempre preoccupato per le tue informazioni private.

Utilizzare una rete privata virtuale

Insieme ai metodi sopra menzionati, dovresti anche considerare nascondendo il tuo indirizzo IP in quanto è uno dei fattori chiave di qualsiasi servizio / sito Web / governo determina la tua posizione attraverso.

Una VPN è il modo più semplice ed efficace per farlo. Reti private virtuali crittografare i tuoi dati e respingere qualsiasi minaccia informatica che potrebbe colpire il tuo dispositivo. Essi anche mantieni il tuo indirizzo IP e sostituiscilo con uno temporaneo nuovo fintanto che sei connesso a un server.

Ciò aumenta il tuo anonimato online e proibisce a qualsiasi entità online di tenere traccia delle tue attività di navigazione o individuare la tua posizione. Ecco come puoi stabilire una connessione VPN:

  1. Primo, iscriviti con un servizio VPN premium. Quelli gratuiti ti faranno più male che bene in quanto potrebbero vendere i tuoi dati a terzi.
  2. Quindi, scarica l’app sul tuo dispositivo, avviala e accedi con il tuo account.
  3. Scegli qualsiasi server presentato nell’elenco e premi Connetti.
  4. Attendere qualche secondo affinché avvenga la connessione.
  5. Verificare questo Verificatore IP per vedere se hai il tuo nuovo IP o no.
  6. Ora sei completamente anonimo.

Qualunque cosa tu faccia, attenersi ai provider VPN premium. Potrebbe costarti qualche soldo, ma alla fine otterrai ciò che hai pagato in termini di sicurezza, velocità e anonimato.

Se non sai come aggirare, abbiamo recensito un paio delle migliori VPN per aiutarti.

Sensorvault di Google – Considerazioni finali

Nonostante Google chieda ai suoi utenti di abilitare Cronologia delle posizioni quando stanno configurando determinati servizi, ora possono fare qualcosa al riguardo. Quando sei online, la tua privacy è tutto.

Non vuoi essere trascinato alla stazione di polizia solo perché ti sei trovato in posto sbagliato al momento sbagliato. Ora hai un’idea a riguardo cosa fa Sensorvault di Google, come funziona, e cosa puoi fare per proteggere la tua privacy. Se hai altre domande, ti preghiamo di lasciarle nella sezione commenti qui sotto.

Kim Martin Administrator
Sorry! The Author has not filled his profile.
follow me
    Like this post? Please share to your friends:
    Adblock
    detector